Bisogna conservare il seme

No Comments

Frammento tratto da Mondo piccolo di G. Guareschi →

 

Don Camillo spalancò le braccia [rivolto al crocifisso]: “Signore, cos’è questo vento di pazzia? Non è forse che il cerchio sta per chiudersi e il mondo corre verso la sua rapida autodistruzione?”.

Don Camillo, perché tanto pessimismo? Allora il mio sacrificio sarebbe stato inutile? La mia missione fra gli uomini sarebbe dunque fallita perché la malvagità degli uomini è più forte della bontà di Dio?”.

“No, Signore. Io intendevo soltanto dire che oggi la gente crede soltanto in ciò che vede e tocca. Ma esistono cose essenziali che non si vedono e non si toccano: amore, bontà, pietà, onestà, pudore, speranza. E fede. Cose senza le quali non si può vivere. Questa è l’autodistruzione di cui parlavo. L’uomo, mi pare, sta distruggendo tutto il suo patrimonio spirituale. L’unica vera ricchezza che in migliaia di secoli aveva accumulato. Un giorno non lontano si troverà come il bruto delle caverne. Le caverne saranno alti grattacieli pieni di macchine meravigliose, ma lo spirito dell’uomo sarà quello del bruto delle caverne […] Signore, se è questo ciò che accadrà, cosa possiamo fare noi?”.

Il Cristo sorrise: “Ciò che fa il contadino quando il fiume travolge gli argini e invade i campi: bisogna salvare il seme. Quando il fiume sarà rientrato nel suo alveo, la terra riemergerà e il sole l’asciugherà. Se il contadino avrà salvato il seme, potrà gettarlo sulla terra resa ancor più fertile dal limo del fiume, e il seme fruttificherà, e le spighe turgide e dorate daranno agli uomini pane, vita e speranza. Bisogna salvare il seme: la fede. Don Camillo, bisogna aiutare chi possiede ancora la fede e mantenerla intatta. Il deserto spirituale si estende ogni giorno di più, ogni giorno nuove anime inaridiscono perché abbandonate dalla fede. Ogni giorno di più uomini di molte parole e di nessuna fede distruggono il patrimonio spirituale e la fede degli altri. Uomini di ogni razza, di ogni estrazione, d’ogni cultura”.

[G. Guareschi, Don Camillo e don Chichì, in Tutto Don Camillo. Mondo piccolo, BUR, Milano, 2008, pp. 3114-15]

Bisogna conservare il seme… il seme è il tuo rapporto con Cristo… il seme è un cristiano nel suo luogo di studio o lavoro… il seme è una comunità nella città… il seme è una parola o un gesto di vera umanità… La nostra amicizia è un seme di Dio… non è importante il numero dei suoi membri o delle sue attività ma che sia un luogo che custodisca con i suoi gesti e le sue parole la famigliarità con il Signore cioè il fuoco di Dio che scalda e illumina la vita… tutto inizia e ricomincia da un seme… un seme piccolo ma potente perchè porta in se una vita che non è di questo mondo ma che ha la forza di cambiare il nostro mondo… non sottovalutiamo la forza di questo seme! «A che cosa possiamo paragonare il regno di Dio? È come un granello di senape che, quando viene seminato sul terreno, è il più piccolo di tutti i semi che sono sul terreno; ma, quando viene seminato, cresce e diventa più grande di tutte le piante dell’orto e fa rami così grandi che gli uccelli del cielo possono fare il nido alla sua ombra» [Mc 4, 30-32] [don Michele Lugli]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.