Realtà: dono o problema?

1 Comment

Federico Picchetto – Il Sussidiario → 

 

Mi ha molto colpito il modo con cui il Papa è intervenuto alla Catechesi del mercoledì sul tema dell’aborto.

Fin dagli albori della storia della Chiesa i cristiani si sono sempre contraddistinti come quelli che “non uccidono i bambini nel grembo e non li espongono a morte certa”, ma è come se questo giudizio, questa scelta di fondo […] avesse generato nel tempo una coscienza nuova che ha portato negli ultimi anni a guardare all’aborto non soltanto come atto, ma anche e soprattutto come gesto. Il gesto, infatti, è molto più della semplice azione, ma è quello che l’azione porta e comporta, quello che la genera e quello che genera. Valutare i comportamenti umani solo come atti produce moralismi senza presa sulla vita; considerarli come gesti, al contrario, fa emergere la posizione in cui si deve trovare esistenzialmente la persona per compierli.

Così quando Francesco dice che “non si può, non è giusto, fare fuori un essere umano, benché piccolo, per risolvere un problema” afferma il fatto che all’origine dell’aborto stia un problema con la realtà. Ma non la realtà intesa come l’insieme delle cose ch catturano l’attenzione della vita, quanto la realtà come dato, come dono, come “esserci gratuito dell’Essere”. L’uomo occidentale, rifiutata ogni posizione verso la vita che provenisse dalla tradizione, si è trovato spiazzato di fronte all’imponenza del dato e all’impotenza sua — strutturale — ad accoglierlo. Nel momento in cui il Vescovo di Roma afferma che abortire “è come affittare un sicario per risolvere un problema” egli denunzia l’incapacità dell’Io di stare davanti a ciò che c’è, di entrare in contatto con le cose e con gli altri allo stesso modo con cui si entra in contatto con una grande occasione.

Quest’incapacità dinnanzi al dato fa venire a galla tutta la distanza da Colui che dà, dal Datore, non soltanto perché non riconosciuto, ma soprattutto perché considerato assente, inesistente. 

La catechesi del Papa restituisce dunque la questione dell’aborto sotto una luce nuova: non come un delitto commesso da peccatori, quanto come l’estremo orrore perpetrato da orfani. Uomini orfani e soli, così soli da perdere ogni speranza, così soli da diventare violenti e cattivi, così soli da guardare alla vita — sempre e comunque — come un problema da risolvere e non come uno spazio in cui imparare a stare. Per diventare più umani, per non perdersi la gioia di riscoprirsi figli. Senza bisogno di sicari che sistemino le cose, senza bisogno di avere la vita a posto per cominciare a vivere.

In questo modo Bergoglio indica la strada autentica per ritrovare il valore della vita e riaffermarlo a livello sociale: non la strada delle posizioni nominalistiche che durano il lasso di una stagione politica, ma la strada di un’educazione alla fede che faccia sorgere una personalità autentica, una personalità cristallina, capace di abbracciare con solidità ogni dato dell’esistenza.Anche quello di un bimbo magari non cercato, ma offerto all’Io come possibilità. Come nuovo inizio.

One Reply to “Realtà: dono o problema?”

  1. Vedere la realtà come dono o come problema: è tutto qui il fulcro della vita. La realtà dipende da noi, o da Qualcun Altro? Ci bastiamo da noi stessi, o ci sta Qualcun Altro che ci indica la strada?
    La realtà è un dono se capiamo che non siamo soli; al contrario diventa un problema se pensiamo di essere soli, di farci da noi, che la nostra vita dipende solo e unicamente da noi (la “famosa” cultura del selfie: mi faccio da me, mi basto io).
    Purtroppo al giorno d’oggi questa cultura egocentrica è una cultura che sta dilagando, e che sta distruggendo l’umanità.
    Ci consideriamo talmente onnipotenti, che ci riteniamo autorizzati a giocare con la vita come fossimo dentro un videogioco.
    Siamo in dolce attesa ma “la cosa” non era programmata o non tutto sta andando secondo i piani? Via, si toglie di mezzo “il problema” (= VITA DI UN ESSERE UMANO).
    Voglio diventare genitore ma non mi trovo nella condizione di poterlo diventare naturalmente? Nessun problema: basta pagare… È DIVENTATO ADDIRITTURA POSSIBILE ACQUISTARE UN ESSERE UMANO!
    E’ una cosa che solo al pensarla è mostruosa e abominevole!
    E’ come se si fossero invertiti i valori umani: davanti e prioritario al diritto alla vita c’è il diritto all’aborto, e davanti all’amore c’è il denaro, con cui posso fare e comprare tutto, financo la vita o l’interruzione della vita.
    Conosco direttamente persone che si meravigliano nel sentire che un embrione è già vita (chissà cosa pensano che sia), e pensano che abortire un embrione non è omicidio…
    Ma stare davanti alla realtà con questo approccio diventa altro che problema, forse diventa una vera e propria tragedia!
    Perché con questa visione della realtà noi non ammettiamo niente e nessuno all’infuori di noi stessi. E dove noi non riusciamo ad arrivare?? Inevitabilmente crolliamo, il mondo crolla e ogni cosa (anche la più stupida, come può essere il non potersi permettere l’ultima borsa di Gucci) diventa un problema, anche dove il problema non esiste proprio.
    Se invece prendiamo coscienza che noi da soli non possiamo nemmeno aprire gli occhi la mattina, tutta la realtà diventa dono. Ogni cosa, ogni istante che viviamo, è tutto un dono.
    E se una nuova vita inizia a crescere dentro me donna, se Dio ha scelto me e mio marito per mettere al mondo una nuova creatura, di cui noi non siamo i proprietari (!!!!), noi dobbiamo esserne solo grati. Non abbiamo nessun diritto di proprietà per poter cancellare e interrompere quella nuova vita.
    E’ una creatura di Dio, non è creatura di “Tizia e Sempronio” e Dio ci ha scelti per metterla al mondo.
    E solo per questo dovremmo sentirci dei privilegiati, e ringraziare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.