Utilità o compito?

No Comments

Vincent Nagle – La Nuova Bussola Quotidiana →

 

Chi pensa che Alfie non abbia una missione fa domande banali: «Può respirare autonomamente?»; «Sarà in grado di parlare o camminare?». Anche il sistema inglese fa di tutto per piegare la vita di Alfie al suo programma di godimento della vità, utilità e piacere. Poi ci sono i suoi genitori che credono che sia mandato a svegliare i loro cuori all’amore. Anche noi dobbiamo scegliere.

Forse possiamo dire che il piccolo Alfie di Liverpool è “il mandato da Dio”. Questa la considerazione emersa mentre celebravo la Messa.

Nel rito romano di ieri, 27 aprile, il Vangelo è di Giovanni in cui vediamo Gesù dire, «in verità, in verità io vi dico: chi accoglie colui che io manderò, accoglie me; chi accoglie me, accoglie Colui che mi ha mandato».

Dopo aver letto questo passaggio guardavo alla persone malate davanti a me e ho chiesto a loro: «Pensate di essere finiti qui per caso o siete qui come missionari, mandati da Dio? Chi non capisce di essere mandato pensa di non avere ragioni per esserci, di non avere una missione o un compito da svolgere e finisce ad essere determinato da domande banali come: “Mi piace o non mi piace?”; “Le circostanze mi fanno star bene o no?”; “Mi sto divertendo o no?”. Per questo è interessante scoprirsi mandati o missionari, perciò presenti non per caso, ma con un compito. Bisogna solo fidarsi e scoprire, prima o poi, che come il “mandato di Dio” anche la tua presenza serve a qualcosa di grande. Forse pensate di non servire a niente perché siete malati. Ma non è così».

Quindi ho raccontato a loro di Alfie così: «C’è chi pensa che Alfie non abbia una missione, che sia qui per caso. Quindi fa domande banali come questa: “Può respirare autonomamente?”; “Sarà mai in grado di parlare o camminare?”. Ecco perché pensano che la sua vita non valga molto, non ipotizzano che Alfie sia mandato.

Poi ci sono i suoi genitori Tom e Kate. Non sono laureati ma sono umani e quindi hanno ipotizzato che Alfie non sia qui per caso ma che sia “mandato da Dio”, in missione. Forse hanno pensato che questa missione è quella di svegliare i loro cuori all’amore. Per cui loro non si fermano a domande banali come quella se Alfie camminerà o se riuscirà a godere di tutto. Questo sguardo sul loro bambino ha aperto un ipotesi più interessante sulla vita di Alfie. Anche se è una ipotesi scomoda per chi pensa che Alfie sia qui solo per caso e perciò senza una missione e senza un compito per cui valga la pena vivere e soffrire.

Ma i suoi genitori hanno creduto che Alfie è “mandato” e questa loro fede ha rivelato la sua missione a tanti e tanti di noi. La sua vita, la vita di Alfie, amore, sofferenza e forse morte servono a svegliare i cuori di tanti, a far vedere chiaramente chi vuole accogliere “il mandato di Dio”, e perciò ricevere il Dio che lo ha mandato, e chi no.
Il sistema inglese fa di tutto per far partecipare Alfie al godimento della vita, all’utilità e al piacere. Ma non sa accogliere “il mandato di Dio”.

E come vediamo con i discepoli di Cristo: è quando uno accoglie il mandato di Dio che si scopre se stesso, in missione, con un compito e che comincia ad avere questa ipotesi su tutti, anche sui giudici di Alfie. Alfie, il mandato di Dio ci sta facendo scoprire tutti di essere anche noi dei missionari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *