L’aborto e la memoria

2 Comments

Costanza Miriano

42 milioni e 400mila bambini in UN ANNO sono stati uccisi con un bisturi nel grembo della loro mamma, e non sappiamo quanti ne sono stati espulsi con i veleni delle pillole. Succede nel 2020. Uno dei primi atti ufficiali di Biden, osannato all’unisono da tutta la stampa mondiale e da tutti ma proprio tutti quelli che contano, è stato finanziare le cliniche abortiste con fondi pubblici. Insomma, nel sentire comune l’aborto è indubitabilmente considerato una conquista, istericamente difeso senza condizioni, addirittura fino alla nascita del bambino.

In questo quadro culturale, in cui l’aborto è esaltato e oggettivamente usato come un contraccettivo, mentre se provi a metterlo in discussione ti tirano fuori storie terribili tipo “sì ma se è frutto di stupro e incesto?” (42 milioni e mezzo all’anno?), un sacerdote ha provato a far ragionare la gente a partire dall’olocausto, ed è stato linciato mediaticamente. Eppure il suo ragionamento non fa una piega: l’olocausto è stato una grande tragedia, è avvenuto che qualcuno ha pensato di poter decidere delle vite degli altri. Tutti lo condanniamo chiaramente e senza distinguo, gli dedichiamo giornate della memoria, film, libri, opere di ogni genere, come è giusto che sia, perché non è stato l’unico orrore della storia dell’umanità, ma è stato orrore, ed è vicino a noi nello spazio e nel tempo. Allora, quando ne facciamo memoria, quando ri-cor-diamo, cioè lo rendiamo vivo nel nostro cuore, facciamo che non sia stato invano, cioè che non accada più che sia possibile che qualcuno decida per la vita di un altro.

Perché gridare allo scandalo se un sacerdote, padre Bruno De Cristofaro, dice una cosa così semplice?

Perché soprattutto in una società che si proclama plurale ci sono cose – sempre più numerose – che non si possono dire?

Ci scandalizziamo perché Mengele tracciava una linea a 1,50 metri e stabiliva che chi non arrivasse a quella altezza non avesse diritto di vivere. Oggi c’è chi stabilisce fino a quale settimana i bambini hanno diritto a non essere uccisi, e questo avviene oltre 42 milioni di volte all’anno, 116.164 volte ogni giorno, molto più di un bambino al secondo, e moltissimi di più con le pillole, (che in Italia si possono prendere senza ricetta, anche da minorenni, grazie ministro Speranza).

Eppure Papa Francesco definisce chi abortisce “una persona che chiama un sicario” per liberarsi di un porblema: mi pare dunque che padre Bruno abbia parlato in piena comunione con la Chiesa, senza offendere la memoria dei poveri bambini – e degli adulti e dei vecchi – uccisi nell’orrore dei lager e in tanti altri modi. Non offende neppure le donne, che sono le prime vittime dell’aborto, anche se lì per lì non se ne rendono conto, visto che in questo clima in cui siamo immersi, in questa continua, martellante catechesi del mondo sono spinte in tutti i modi ad abortire, finanziate, aiutate, incoraggiate a uccidere il loro bambino, invece che aiutate a farsene carico se non ce la fanno (ovvio, è molto più comodo per le autorità eliminare un bambino che aiutarlo a crescere).

Certo, anche io con onestà intellettuale mi rendo conto che il paragone può suonare audace alle nostre orecchie, plasmate da anni e anni di propaganda, e poi alcune differenze ci sono: è innegabile che una donna che ha concepito un bambino che non desiderava è chiamata a un grosso sacrificio. La gravidanza e il parto non sono uno scherzo, ed è chiaro che il paragone non è perfettamente calzante. Ma non lo è anche nel senso opposto: quei bambini sono stati chiamati alla vita dalla condotta di un uomo e di una donna, che hanno una responsabilità verso di lui. Non è difficile far sì che quel bambino non sia chiamato alla vita, ma quando c’è, esiste. E’ una persona. Verso di lui io, padre, madre, sono ancora più responsabile che verso chiunque altro: non è vero dunque che l’aborto equivale a un omicidio, l’aborto è più grave perchè la persona che magari volessi uccidere non dipende da me per vivere, non l’ho chiamata alla vita io. L’aborto invece è l’uccisione di una creatura che dovrei difendere, aiutare, accompagnare fino a che sia capace di andare da solo per il mondo, e che ho generato io.

Ieri sentivo le voci delle donne polacche scese in piazza per contestare la legge che rende l’aborto possibile solo in caso di violenza, o di pericolo per la vita della madre: mette sullo stesso piano due vite, quella della madre e del bambino, quindi una legge perfettamente sensata dal punto di vista della filosofia del diritto (non della fede, ma questo è un di più che non possiamo pretendere per legge, non tutti sono forti come la mia amica che ha accolto una figlia nata da una violenza, e ha reso il mondo un posto molto molto più bello grazie a quella bambina meravigliosa; e non tutte sono Chiara Corbella Petrillo o Gianna Beretta Molla, o le tantissime altre mamme anonime che scelgono la vita del proprio figlio prima della propria). Quella donna intervistata in piazza in Polonia (ovviamente alle migliaia della marcia della vita non viene dato un millesimo di quella visibilità, ma pazienza), ha detto: “non voglio far nascere un figlio malato per poi vederlo soffrire”. Ecco, il punto della frase è “vederlo”. Perché, vorrei dirti, cara ragazza ingannata, che quando abortisci tu non lo vedi, ma il tuo bambino viene tagliato a pezzi, quando è vivo. Tu non lo vedi ma lui soffre, e soffre ancora di più perché sente di non essere amato. Soffre perché è dilaniato terribilmente, che è stato poi il motivo per cui il ricchissimo medico abortista newyorkese Bernard Nathanson ha smesso di fare aborti: con un’ecografia ha visto il grido silenzioso di un bambino ucciso nel grembo materno (è appena uscito in Italia il suo libro!). E poi volevo dirti, cara ragazza ingannata, che conosco bambini disabili amatissimi, e dunque felici, forse più di te, e genitori che li amano pazzamente, e che mai e poi mai vorrebbero liberarsi di loro.

Quando una mamma concepisce è una mamma, punto e basta, anche se affitta un sicario, come dice il Papa: questo non cancella il fatto che da quel momento lei è e rimarrà sempre una mamma.

Esprimo dunque solidarietà a padre Bruno, ma soprattutto alle mamme che portano dentro di sé la sofferenza di avere abortito forse perché ingannate o lasciate sole, e gratitudine all’esercito di coloro che si danno da fare perché nessuna donna sia mai abbandonata con il suo fardello, che a volte sembra davvero tanto pesante. La grandezza di una società si vede da come tratta i suoi figli più fragili: questo sarebbe un modo vero di onorare la memoria dell’orrore dell’Olocausto, far sì che mai più nessuno possa decidere della vita di nessun altro, soprattutto dei più deboli, che la comunità si stringa per dare tutti una mano affinché nessuno venga lasciato indietro.

2 Replies to “L’aborto e la memoria”

  1. Il problema dell’aborto mi sta a cuore perché penso che dato il numero così come menzionato nell’articolo si tratta di una strage degli innocenti, piccoli indifesi senza alcuna possibilità di difendersi.
    Lo scorso anno ho ascoltato la storia di Elena, una donna di 40 anni che quando era giovanissima ha abortito dopo un ennesimo atto sessuale consumato tra sballo e alcol. Ha raccontato il suo dolore, il suo inferno vissuto prima e dopo l’aborto, e oggi le sue lacrime esprimono ancora quella ferita profonda che però, grazie all’incontro con la comunità Nuovi Orizzonti di Chiara Amirante, sta rinascendo a vita nuova, in un cammino come dice lei che “e’ tosto”. (Per ascoltarla basta cliccare: storia di Elena Nuovi Orizzonti YouTube).
    Penso poi che l’aborto spesso si tratti di un omicidio la cui responsabilità non è solo della donna che compie quell’atto, ma che investe anche medici, infermieri, personale sanitario, e non ultimo familiari e/o amici della donna.
    Tanti anni fa una collega di lavoro mi confido’ che aveva abortito non tanto per sua espressa volontà ma spinta dal marito che non voleva saperne di avere un altro figlio,
    Per trovare la pace nel suo cuore le dissi dì cercare un sacerdote e di confessare questo suo peccato nel sacramento della riconciliazione e del perdono.
    Tempo dopo mi ringrazio’ nel dirmi che aveva seguito il mio consiglio e che il sacerdote gli aveva dato come penitenza di occupare parte del suo tempo nell’ aiuto dei bambini abbandonati o in difficoltà.
    .

  2. Purtroppo le “grandi conquiste umane”, quelle che tanti considerano tali, in realtà sono conquiste dell’egoismo umano.

    L’aborto è un abominio umano, un omicidio legalizzato, ed è considerata una grande conquista.

    Il divorzio anche, e basta che un unghia di nostro marito / moglie non ci va bene per separarci da lui/lei.

    Ovvio, il peso non è nemmeno paragonabile, ma di fondo ci sta la stessa cosa: non consideriamo l’altro come un dono, ma come un oggetto, di cui sbarazzarcene se non ne sentiamo la necessità.

    Le “nuove vite” soprattutto, sono diventate più oggetto di business che di un dono di Dio, come invece dovrebbe essere.

    Uteri in affitto e cliniche della fertilità sono ormai all’ordine del giorno, ma spesso non si pensa a cosa ci sta dietro, e a quanti aborti ci sono anche li

    Racconto una mia esperienza. Una decina di anni fa ci siamo rivolti a una clinica per la fecondità assistita, sperando di realizzare il mio grande sogno.

    Ci sono diverse tipologie di fecondità assistita, e noi eravamo andati, nonostante l’età “avanzata”, per l’analisi pre impianto solamente degli ovociti.

    E invece, dal momento che avevo superato i 30 anni, l’unico percorso possibile, era l’analisi per impianto dell’embrione.

    Il che significava che se ci fosse stato qualcosa che non andava sarebbe stato gettato, con noncuranza e superficialità, come fosse stato un ago, un batufolo di cotone, o un cerotto.

    E invece si trattava già di vita, di un essere vivente a tutti gli effetti.

    Ma ovviamente la parola aborto non esiste in quella clinica, perché il loro business sarebbe rovinato, perché per loro non è una vita, ma una fonte di guadagno, e più ci rimani (più embrioni vengono scartati), più ci guadagnano.

    Devo essere sincera; già appena entrati nella clinica, mi sono scesi i brividi. Un luogo freddo, asettico, sterile, sarebbe stata la strada di una nuova vita? No, non per noi e non per quello che comunque la vita è: UN DONO.

    Non siamo andati via per non mancare l’appuntamento e per rispetto della dottoressa che ci stava aspettando.

    Ma anche li ci siamo trovati davanti a una persona che pensava solo al business, e che poco c’entrava con l’amore e il calore di una nuova vita.

    Non so se a volte ci sta poca informazione al riguardo, o se piuttosto fa comodo l’ignoranza sull’argomento, per autopulirsi la coscienza.

    Una maggior informazione, come dice anche Costanza Miriano nel suo articolo, secondo me andrebbe fatta, perché sono sicura che tante mamme non si rendano nemmeno conto del passo e del gesto che stanno compiendo, anche perché quando lo compiono, si trovano sicuramente in uno stato emotivo molto particolare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *